L´ASSEMBLEA DEI PADRONI
diagnosi precoce dei tumori, assistenza sanitaria, assistenza psicologica ai malati oncologici e ai loro famil

CoL Centro oncologico Ligure diagnosi precoce dei tumori, assistenza sanitaria, assistenza psicologica ai malati oncologici e ai loro famil L´ASSEMBLEA DEI PADRONI

L´ASSEMBLEA DEI PADRONI

L’Assemblea dei Soci è convocata per Venerdì 31 marzo, alle ore 17.30, nel Salone di Palazzo Fieschi (Municipio Medio Ponente) in Via Sestri 34. Come sempre l’annuncio formale del Presidente si può leggere sul nostro sito (www.colge.org) dove si può prendere visione dell’ordine del giorno e stampare la delega per coloro che non potranno partecipare (non più di una delega a socio). Come prevede lo Statuto i soci dovranno discutere e approvare il Bilancio Consuntivo dell’anno appena concluso. Va controllata la scadenza della propria tessera e, se occorre, rinnovarla: solo chi è in regola può dire la sua e votare.

A questo punto la solita frase di rito sarebbe: tutti i soci sono invitati a partecipare! Ma, diciamo la verità, vi sembra una frase del tutto logica? Che senso ha, infatti, invitare i padroni di casa? Si invitano gli amici o gli estranei quando sono graditi, i padroni no, loro partecipano e basta. Così dovrebbe essere, E invece la maggior parte dei nostri soci non si comporta da padrone (come sarebbe legittimo), ma da cliente. Viene al CoL per una visita o rinnova la tessera solo quando gli serve, se no fa dell’altro. Dimentica che questa libera Associazione è nata e vive perché c’è un progetto di solidarietà, una missione che si chiama prevenzione ed anche una filosofia che ispira ogni cosa: la mutualità che in breve significa “uno per tutti e tutti per uno”, io aiuto te e l’Associazione oggi (anche se non ho bisogno) e voi domani farete altrettanto. Un bel modo, no? Sì molto bello, ma difficile da condividere tutti insieme. Molti preferiscono fare altro, non dedicare la giusta attenzione alla propria “casa”, magari lamentarsi di qualche disguido, ma sempre sperando (o addirittura pretendendo) che siano sempre e solo gli altri a rimediare: io pago - così pensano - e pretendo che tutto funzioni per filo e per segno e le maniche se le rimbocchino gli altri! Per questa strada non si va molto lontano. Per spiegarci meglio useremo il corpo - tema di questo mese – come metafora. E’ costituito da tanti miliardi di cellule, riunite in famiglie chiamate tessuti, che a loro volta si uniscono a costituire organi. Grazie a questi il corpo può fare piccole e grandi cose, il che non è possibile alla singola cellula o a sparuti gruppi di cellule disorganizzate. Il corpo può scalare montagne, scoprire farmaci nuovi, leggere poesie, fare volontariato, riunirsi con altri per cambiare il mondo e, prima ancora, il sindaco o il rappresentante di condominio ecc. Le cellule non fanno assemblee, i corpi sì. Se si associano in modo ordinato e finalizzato possono davvero vivere meglio. La metafora finisce qui. I soci del CoL, perciò, non dovrebbero invitarsi tra di loro all’assemblea. Nel loro interesse, prima s’informano, poi (a meno di forza maggiore) partecipano. Tutto qui.